I segreti per gestire un e-commerce

Indice

Le attività di e-commerce variano dalla piccola attività che lavora localmente alle organizzazioni con una presenza globale. In tutti i casi, il successo promuove la crescita e questa crescita non è solo in termini di vendite, ma anche in termini di complessità della gestione dell’impresa. Soprattutto se sei una piccola impresa di e-commerce, dove poche persone devono fare tutto, dovresti essere pronto a un’eventuale espansione e decidere come assegnare determinate funzioni e responsabilità specializzate.

In questo contesto, è importante comprendere i vari pilastri su cui si erge la struttura della gestione dell’e-commerce. Data la natura competitiva delle imprese di e-commerce, tutti i settori dell’attività di e-commerce dovrebbero essere forti. Ecco a voi alcuni esempi.

La funzione di produzione o di approvvigionamento

La stagionalità e il cambiamento delle preferenze dei consumatori possono causare oscillazioni selvagge nelle vendite provenienti dal tuo sito Web di e-commerce . Le persone incaricate di proteggere il prodotto, indipendentemente dal fatto che lo fabbrichino o lo riforniscano, devono essere in grado di tenere il passo. Ecco alcune illustrazioni che spiegheranno la natura critica di questa funzione:

  • Nei pochi giorni che precedono il Natale, c’è un picco nelle vendite online. L’aspettativa è che consegnerai entro Natale. Immagina la perdita delle vendite e le brutte recensioni se non sei in grado di consegnare il prodotto in tempo.
  • Ottieni un ottimo affare acquistando un determinato prodotto, diciamo con uno sconto del 90%. Ma l’avvertenza è che devi procurarti un volume elevato senza la possibilità di restituire merci invendute. Se cogli l’occasione, immagina la perdita se sei sellato con un enorme inventario di merci invendute. Allo stesso tempo, se rifiuti questa opportunità perché vuoi evitare il rischio di inventario invenduto, potresti perdere un buon affare.

Questi sono solo due dei molti possibili scenari che potrebbero portare a risultati sfavorevoli in base al prodotto che le persone non sono in grado di offrire.

Marketing

La maggior parte dei professionisti dell’e-commerce comprende l’importanza del marketing. Ci sono differenze negli approcci delle persone; alcuni preferiscono la pubblicità pay-per-click (PPC) e spendono le loro energie per ottimizzare le loro spese PPC, mentre altri guidano il traffico attraverso l’ ottimizzazione dei motori di ricerca (SEO) e si concentrano sulla costruzione di link, e altri ancora credono che il branding sia l’unica strada da percorrere . Alcuni preferiscono espandersi rapidamente all’estero, mentre altri cercano di scrivere un piano aziendale che li coinvolga nella creazione di una rete di siti Web di e-commerce di nicchia.

Poi ci sono quelli all’avanguardia che credono nel trarre il massimo vantaggio dai vantaggi degli strumenti e delle tecnologie di marketing online, come indirizzare i clienti in base al loro comportamento online.

Tecnologia

Non sono uno di quelli che credono che l’e-commerce sia principalmente un gioco di tecnologia. Ma non si può negare che si tratti di un gioco abilitato alla tecnologia. Di conseguenza, dobbiamo rimanere al passo con la nostra tecnologia. Questo inizia dalle decisioni di base come la scelta del software di hosting , nome di dominio e carrello, all’implementazione di misure di sicurezza e altro ancora.

Dobbiamo valutare costantemente l’ampia gamma di nuove tecnologie che vengono introdotte continuamente. Inoltre, dobbiamo misurare e ottimizzare l’attuale piattaforma su cui stiamo lavorando.

Capitali

È improbabile che il potenziale di crescita stratosferica di un’impresa di e-commerce sia realizzato senza una periodica infusione di denaro. Le figure contemporanee nel panorama degli investimenti mostrano che gli investitori hanno investito miliardi di euro in aziende di e-commerce che mostrano il potenziale di essere titani.

Ma la funzione finanziaria non riguarda solo la raccolta di fondi. Esistono decisioni di gestione dei risultati, contabilità, ingegneria finanziaria che consentono ai clienti opzioni di pagamento innovative e altro ancora.

La logistica

Tranne nel caso di beni digitali, è necessario che il prodotto sia nelle mani dei clienti. E quando il prodotto deve essere restituito o riparato, il processo di logistica inversa deve ripristinarlo. Ci sono molti esempi di società di e-commerce buone che sono andate a vuoto perché non potevano gestire l’accuratezza o i costi della logistica. Pertanto, la logistica dovrebbe essere vista come una funzione specialistica e dovrebbe ricevere un’adeguata attenzione.

In conclusione

Un elenco di cinque punti non è adeguato per catturare la vasta gamma di funzioni che vanno alla gestione di un business e-commerce. Potremmo andare avanti e parlare di molte altre funzioni, ad esempio la gestione delle risorse umane. Ma l’idea è quella di rivolgersi alla piccola impresa di e-commerce in cui tutti fanno tutto. Prima o poi, il successo farà sì che l’organizzazione diventi complessa. A quel punto, è necessaria una solida strategia di gestione per garantire che il business continui a prosperare, o almeno a sopravvivere.

Chi ha scritto questo articolo?

Francesco Borino
CO-FONDATORE E AMMINISTRATORE DELEGATO DI OLTRE CONSULENZA

Condividi questo articolo

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su linkedin
Condividi su email

Aiutaci a diffondere i nostri contenuti: fai clic su uno dei pulsanti sopra per scegliere in quale piattaforma condividere questo articolo, grazie!

Business senza limiti!

Ciao! Siamo Oltre. Aiutiamo gli imprenditori come te ad accelerare il loro flusso di lavoro ed aumentare i loro profitti.

Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.