Vorresti diventare un grafico migliore? 5 principi base della progettazione grafica

Indice

Chi non vorrebbe diventare un grafico migliore? Non credo ci sia mai un limite al miglioramento. Ogni giorno ci ritroviamo a guardare il feed di Instagram, oppure di Behance e Dribbble, alla ricerca di ispirazione per un nuovo progetto grafico. 

Ed eccoci qui, a perderci in un mare di lavori di estrema qualità, e ciò che ci rimane è lo scoraggiamento, perché dentro di noi diciamo: “Non posso competere con designer così bravi”. 

Ma sei davvero sicuro di non poterlo fare? 

Hai mai pensato che anche loro abbiano iniziato da qualche parte?

Forse è meglio fare un passo indietro, chiudere Behance e Dribbble e pensare a come possiamo migliorare le nostre abilità, partendo dalle basi

Sì, perché come in qualsiasi altro argomento, anche nella grafica devi iniziare dalle basi.

Ecco perché abbiamo pensato di condividere i nostri principi di base della progettazione grafica, che sono tanto semplici quanto fondamentali per diventare un designer grafico di successo.

Prendi carta e penna, è ora di iniziare!

I 5 principi base della progettazione grafica (e come applicarli al tuo lavoro).

Principio 1 – Tipografia

La tipografia è la base di tutto il visual design. Se vuoi iniziare a studiare questa meravigliosa materia, possiamo solo consigliarti di iniziare dalla tipografia. 

Sì, è possibile creare un progetto grafico composto solo da tipografia. Inoltre, puoi creare disegni con un solo carattere tipografico. Inoltre, possiamo anche creare elementi grafici da un determinato carattere, utilizzando alcune delle sue caratteristiche e forme.

Ovviamente, la scelta del carattere che utilizzerai per il tuo progetto non dovrebbe mai essere il risultato di cose fatte a caso. Dietro ogni progetto c’è uno studio approfondito della tipografia.

Per espandere ulteriormente la tua conoscenza della tipografia, potresti iniziare aggiungendo alcuni nuovi termini al tuo vocabolario tipografico. Cosa significano tracking, crenatura e l’allineamento?

Un ulteriore passo che puoi fare è studiare come la tipografia viene applicata al web. Per questo caso specifico ti consigliamo di leggere il libro: Gli elementi dello stile tipografico by Robert Bringhurst.

Quindi abbiamo parlato di come usare la tipografia in modo efficace, ma dobbiamo anche parlare di un altro fattore molto importante: la combinazione di caratteri.

Per avere una visione completa della tipografia, devi capire come combinare i caratteri. Un carattere non è mai abbastanza per un progetto di grafica, basti pensare a un progetto di sito Web: ci sarà un carattere dedicato al titolo e un carattere dedicato al corpo del testo.

Alcune risorse che possono aiutarti a imparare a dare un’occhiata al sito Web di Google Fonts. Essere in grado di abbinare i caratteri insieme cambierà radicalmente le dinamiche del tuo prossimo progetto.

Leggi il nostro articolo sulla tipopgrafia cliccando qui

Principio 2 – Le griglie servono per avere un punto di partenza

Quando un designer alle prime armi si trova di fronte a una griglia per illustratori, si sente limitato. Probabilmente crede che una griglia limita la sua creatività.

In realtà, non è così, le griglie non ti limitano, ma sono un punto di partenza. Grazie alle griglie abbiamo l’opportunità di creare il nostro design!

Il fatto è che le griglie sono molto importanti per un design progettato anche per l’efficacia. E lo sono diventate ancora di più da quando il Graphic Design include anche UI Design, ovvero la progettazione grafica di piattaforme web, app, ecc.

L’uso delle griglie consente di avere un’idea chiara di come disporre gli elementi, quale gerarchia seguire, quali elementi grafici rendere predominanti e quali colori utilizzare nelle varie sezioni.

Principio 3 – Lo spazio bianco serve a creare un equilibrio nel tuo design

Il terzo principio è quello dello spazio bianco. Lo spazio bianco è un elemento essenziale nella progettazione grafica, è ciò che ci consente di dare equilibrio e “aria” al nostro design. 

Ovviamente non parliamo di “spazio bianco” come uno spazio bianco, ma come uno spazio “vuoto”. 

Vuoi dare armonia visiva al tuo design, giusto? Quindi lo spazio bianco è ciò di cui hai bisogno. 

Puoi scorrere Behance e Dribbble per avere un’idea di come i designer usano lo spazio nel loro lavoro, in modo da dare un giusto equilibrio a tutti gli elementi grafici. Ma in ogni caso, il nostro consiglio è di sviluppare il tuo intuito.

Principio 4 – Gerarchie visive: utilizzare le dimensioni dei vari elementi per stabilirle.

Sì, ogni elemento grafico ha un ruolo preciso e deve seguire precise gerarchie visive. 

Un chiaro esempio è il testo: 

Un chiaro esempio è il testo: a seconda della dimensione di quest’ultimo, della sua posizione nel disegno e del colore, un certo testo verrà letto per primo, e la nostra mente continuerà quindi di conseguenza a quella sotto, più piccola, ecc.

La dimensione di un testo o di un altro elemento grafico è importante perché definisce quale elemento è più importante. 

Quindi devi essere sicuro di evidenziare gli elementi più importanti del tuo design.

La verità è che tutta la pubblicità si basa su gerarchie visive. Un esempio è una rivista, in cui il titolo che attira la tua attenzione è sempre il più grande e il più alto della pagina, seguito da un sottotitolo più piccolo, quindi da un testo descrittivo ancora più piccolo, e lo stesso vale per un sito Web.

A questo punto torniamo al punto precedente, poiché le griglie ci aiutano quando dobbiamo definire la gerarchia visiva del nostro design.

Un suggerimento, che si applica sia alla grafica stampata che al web, è quello di definire le gerarchie del progetto e applicare parametri standard, ovvero le dimensioni che sono uniche per tutti gli elementi.

Principio 5 – I colori comunicano le emozioni

Per concludere questa guida alla progettazione grafica per i nuovi designer, ovviamente non mancano i colori.

Anche i colori svolgono un ruolo fondamentale, ma fai attenzione: non lasciarti trasportare dagli articoli sul web in cui raccontano una “psicologia del colore”. Non esiste una psicologia del colore, perché i colori sono interpretati in modo diverso da persona a persona. 

Inoltre, le emozioni, le tradizioni e i significati del colore cambiano da cultura a cultura. Quindi non aspettarti di fare un “bingo” se leggi che il colore viola è associato al lusso, da qualche altra parte nel mondo non è così, e ha significati completamente diversi.

In ogni caso, per creare una tavolozza di colori, ci sono punti da tenere a mente: 

  • Scegli il colore in base al pubblico. Anche se non è del tutto vero che un colore è carico emotivamente, perché è completamente soggettivo, devi conoscere il tuo pubblico per capire quali colori possono essere più in linea con il nostro pubblico target. Quindi devi conoscere il pubblico di riferimento per il marchio con cui hai a che fare, capire dove vivono, quali sono le loro culture, quali sono le loro emozioni e come suscitare determinati tipi di emozione attraverso il colore.
  • Quali obiettivi vuoi raggiungere? Questa è una domanda indispensabile nel mondo del marketing. E anche quando si tratta di scegliere il colore del marchio o un progetto di design, è vitale. Definisci gli obiettivi del tuo progetto e lavora di conseguenza sui colori.
  • Semplicità è la parola d’ordine quando si definisce una tavolozza di colori. Un marchio per essere riconoscibile deve essere semplice anche nei colori. Ricordiamo un marchio giallo e blu anche senza menzionare il suo nome (Ikea), e lo stesso vale per Coca-Cola, McDonald’s e così via.

Conclusioni:

Sei arrivato alla fine di questa guida, con molti consigli utili e punti di partenza per migliorare le tue abilità, congratulazioni!

Puoi consultare questa guida quando vuoi e vedere i tuoi progressi nel tempo. Tutto quello che devi fare è aprire il tuo software di grafica e liberare la tua creatività!

Tutto quello che devi fare è inviarci il tuo lavoro via e-mail o sulla nostra pagina Instagram in Direct Message, in modo da poter ricevere feedback da designer esperti.

Scatena la tua creatività!

Chi ha scritto questo articolo?

Gessica Sari
UI & GRAPHIC DESIGNER PRESSO OLTRE CONSULENZA

Condividi questo articolo

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su linkedin
Condividi su email

Aiutaci a diffondere i nostri contenuti: fai clic su uno dei pulsanti sopra per scegliere in quale piattaforma condividere questo articolo, grazie!

Business senza limiti!

Ciao! Siamo Oltre. Aiutiamo gli imprenditori come te ad accelerare il loro flusso di lavoro ed aumentare i loro profitti.

Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.